Un (primo) piccolo passo

Ancora?
Un altro sito di un altro perfetto sconosciuto?
Ebbene si, voglio farmi del male (e un pò farne anche a voi).
Voglio raccogliere tutto quello che faccio in un unico punto, dove scrivere i miei racconti, postare le mie idee e realizzare i sogni.
Come posso realizzare un sogno?
Non aspettando in ginocchio, ma lavorando, muovendosi e andando.
Dove non si sa.
Ma intanto inizio ad andare.
E io sto andando, un pò a zigzag ma questo è il primo passo.
Un piccolo passo per l’uomo, un grande passo per Papo.
amatrice-prima-dopo-terremoto-560007.610x431

La possibilità di piangere

Ci hanno tolto la possibilità di piangere.
Da bambino ti dicevano: “sei un ometto, non piangono gli ometti”.
E tu tiravi su col naso, anche se faceva un male cane, ma tu eri un ometto e gli ometti non piangono.
E poi crescendo, ti dicono che non sei un ragazzino.
Che giusto i ragazzini piangono, ma tu ormai sei l’uomo di casa.
E anche se fa un male di merda, tu non piangi perchè l’uomo di casa non piange.
E se ci provi, ti dicono che sei frocio, che sei una femminuccia, che non si piange per un film, per una canzone, per una immagine.
E quando diventi adulto ti porti dentro quel male che fa un male del cazzo, perchè non hai mai pianto.
E con tua figlia in braccio non puoi piangere, perchè i papà non piangono.
E vedi le immagini di un posto che avevi visto 48 ore prima.
E hai preso il caffè con tua figlia e tua moglie.
E con due amici e la loro figlia.
Sotto quel campanile.
In un bar.
Che ora non c’è più.
E guardi le immagini.
E vaffanculo, piangi.
Perchè la libertà di poter piangere va insegnata fin da piccoli.
Per poter diventare grandi veramente.

7835-finestrino-aperto

Come si può dimenticare?

E ora un post per buttarmi un po di merda addosso.
Se vuoi puoi non leggerlo, togliere i feed ai miei post o eliminarmi dalle amicizie.
Detto questo, voglio anche io dire una cosa sulla mamma che ha lasciato la figlia di 17 mesi in macchina.
Non la giustifico. 
Ma voglio provare a capire.
17 mesi sono tanti se si aggiungono i 9 di attesa nella pancia e tutti i pensieri futuri.
17 mesi sono tanti senza dormire, stando dietro ad un altra figlia, andando tutti i giorni a lavorare, cucina, lava, pulisci, pappa, cacca, ninna….
Tanti hanno figli e nessuno ha lasciato il proprio in macchina.
Ma quando la vita ti stressa a tal punto da perderti tutto e da non riuscire più ad organizzare la tua vita, quando perdi anche il valore di te stessa perché non hai un attimo per te, quando punti tutto sulla routine per poterti salvare, rischi che questa routine in qualche modo venga interrotta e allora va in tilt il cervello.
Secondo voi lei voleva una cosa del genere?
Secondo voi lo ha fatto intenzionalmente?
Ma soprattutto, dopo 17 mesi, più 9 nella pancia poi tutti quelli pensati dopo, secondo voi come starà questa donna?
E allora.
Prima di spalare merda, magari proviamo a metterci nei panni degli altri, sicuramente non la giustificheremo.
Ma almeno proveremo a capire.

Jamaica's Usain Bolt (C) jokes with Canada's Andre De Grasse (L) after they crossed the finish line in the Men's 200m Semifinal during the athletics event at the Rio 2016 Olympic Games at the Olympic Stadium in Rio de Janeiro on August 17, 2016.   / AFP / OLIVIER MORIN        (Photo credit should read OLIVIER MORIN/AFP/Getty Images)

Olimpiadi

Pensavo.
Quante olimpiadi può fare un atleta?
3? 4 se parte da molto giovane.
(senza ovviamente contare sport dove l’età è relativa).
E pensavo alla sfiga di quelli che sono nati nello stesso anno di alieni come Phelps o Bolt e che non possono neanche pensare di arrivare primi.

Atleti che gia sanno che non gareggiano per l’oro, ma combattono giusto per il secondo posto.
Deve essere molto difficile allenarsi così.
Ma nonostante questo lo fanno, vanno e gareggiano.
E per quei pochi secondi, sono convinti di potercela fare.

Non bisogna mai abbandonare un sogno, anche se davanti a te hai un mostro.
I mostri sono fatti per essere sconfitti.